Torna alla Home Page  
   
Codice di accesso: Password:
Li hai dimenticati?

:: Chi siamo
:: Eventi e Formazione
:: Interventi territoriali
:: Studi e ricerche
:: Archivio quesiti
:: Normativa e Giurisprudenza
:: Community CSI
:: Contatti
:: Home page




BD Agevolazioni Finanziarie

:: Cerca sul sito
ARCHIVIO
:: Notizie
:: Rassegna stampa
:: Comunicati stampa
:: Materiali e documenti
:: Progetti conclusi




Le nuove politiche di semplificazione. Un'indagine nelle regioni

Monitorare lo stato di attuazione delle politiche di semplificazione regionale, rilevare le criticità, le esigenze e le richieste delle regioni nell'implementare e sostenere tali politiche. Questi gli obiettivi dell’indagine sulle nuove politiche di semplificazione regionale, realizzata dal Formez, e i cui risultati verranno presentati il 14 maggio, alle ore 10, al Forumpa nell'ambito del seminario dal titolo 'La direttiva servizi: un'occasione da non perdere'.

L'indagine, condotta su 12 regioni italiane, si colloca all'interno di un nuovo scenario politico-amministrativo caratterizzato dalle indicazioni in materia di semplificazione provenienti dall'Unione Europea, dal Piano di azione sulla semplificazione, dall'Accordo Stato- Regioni. Questo nuovo scenario vede le regioni titolari di gran parte delle competenze in materia di semplificazione amministrativa, nonché impegnate, con Stato ed enti locali, a rispettare principi comuni per il miglioramento della qualità e della trasparenza del sistema normativo e, in particolare,  a ridurre del 25% entro il 2012 gli oneri amministrativi, definendo le modalità con cui intendono individuare, misurare e ridurre tali oneri.

Queste le variabili considerate ed oggetto di analisi: la semplificazione organizzativa interna (strutture politiche e amministrative dedicate alla semplificazione) ed esterna alla regione (forme organizzative di partecipazione delle categorie economiche e sociali); la semplificazione  procedimentale attraverso l'attuazione degli istituti della L. n 241/1990 (fissazione dei termini, CDS, DIA, Silenzio assenso) e di altri interventi di semplificazione (es. lo Sportello unico, informatizzazione dei procedimenti).

Dai risultati emerge, allo stato attuale, un ritardo, seppur con dei distinguo da regione a regione, nell'acquisizione e applicazione di strumenti di semplificazione, sia dal punto di vista organizzativo che procedimentale. Salvo poche eccezioni, mancano politiche regionali di semplificazione di respiro generale, mentre sono presenti interventi prevalentemente settoriali e spesso non coordinati tra loro.

Sono assenti, inoltre, azioni sui più recenti strumenti di semplificazione (misurazione e riduzione oneri esterni; conferenza telematica; pratica dell’indennizzo).

Obiettivo dell'indagine è stato anche quello di far emergere i problemi che le amministrazioni regionali incontrano nell'implementazione di politiche di semplificazione e i loro fabbisogni per attuare tali politiche. Al governo nazionale, le regioni chiedono un maggior coordinamento tra i livelli di governo, una maggiore chiarezza sulle competenze legislative, la diffusione delle best practices, fondi, incentivi e supporto tecnico. I risultati dell’indagine forniscono, dunque, indicazioni particolarmente interessanti rispetto ai progetti e programmi da attuare a livello regionale sul tema della semplificazione e che possono essere realizzati all’interno dei Programmi Operativi Nazionali e Regionali, in particolare dell'Asse Capacità Istituzionale


:: Report dei Risultati - Le nuove politiche di semplificazione




AVVERTENZA: le informazioni contenute in questo sito formano oggetto di una clausola
di esclusione della responsabilità e di un avviso sulla riproduzione dei materiali

Contech Idee e soluzioni per il web Powered by Contech